Ray Ban Predator

“PAGO PURE I 5 STELLE” A completare l’arco costituzionale mancherebbero i 5 Stelle, ma Parnasi dice a un suo collaboratore: “Domani c’ho un altro meeting dei Cinque Stelle, perché pure a loro gliel’ho dovuti dare eh, mica che ci sta l’amico tuo adesso, gliel’ho detto di quell’operazione”. Sulla vicenda stadio, in particolare, Parnasi chiede ai suoi: “Volete che faccia qualche altro passaggio politico? Visto che sto sostenendo tutti quanti. Poi vediamo Marcello De Vito, vediamo Ferrara, serve che faccio qualcosa? Avviso Lanzalone”.

Dopo la distruzione della Morte Nera i ribelli stanno compattando le fila per combattere l’Impero che ha in mente di ricominciare la costruzione della sua arma segreta. Luke Skywalker, scampato ad un attacco sul pianeta Hoth, si sposta nel sistema Dagobah per essere addestrato dal maestro Yoda e finalmente diventare un vero Jedi. Parallelamente Han Solo e la principessa Leia sono braccati da Darth Vader, il quale ha capito che solo in questa maniera potrà trovare il giovane Skywalker a cui è tanto interessato.

Durante la giornata, scoppia il caos e lui osserva impotente il crollo del suo impero. Inoltre, è sicuro che qualcuno voglia assassinarlo. Quando? Dove? Saranno le 24 ore più importanti della sua vita. Alla bellezza catodica, sformata e maggiorata di Valeria Marini, il cinema oppone lo stile estetico, l’armonia e la semplicità di Valeria Golino, a nostro parere, vera Valeria Nazionale, anche quando, sulla sua calda pancia, Charlie Sheen frigge uova e bacon, nella mitica scena sessuale dello spassoso Hot Shots!Secondogenita di un germanista italiano e di una pittrice greca, Valeria nasce e cresce a Napoli, all’interno dell’hotel “Bella Napoli”, gestito dal nonno e all’interno del quale viveva tutta la sua famiglia, compreso il fratello musicista. Quando però i suoi genitori si separarono, la Golino fu costretta a vivere la sua adolescenza facendo la spola fra Napoli e Atene, a questo si erano aggiunti anche i viaggi che faceva per lavoro, dato che svolgeva fin dall’età di 15 anni il mestiere di fotomodella. Proprio a causa di questo lavoro, si trasferisce a Roma, dallo zio giornalista Enzo Golino che la inserirà nel belmondo cinematografico.

Naufragio e lotta, attesa e ricordo, si alternano in un film salato, privo di dialoghi e grondante acqua. Tutto è acqua e tutto è perduto in acqua, elemento liquido da cui nasce la vita e da cui viene inghiottita. L’oceano, indifferente davanti all’impotenza del protagonista, lo lambisce, lo conduce, lo sprofonda e poi lo restituisce al suo affanno e al suo istinto, che gli suggerisce sempre cosa fare.

Be the first to comment

Leave a Reply