Occhiali Modello Ray Ban

Continua Tratto dall’omonimo romanzo di Carlo Lucarelli, il film è un giallo ambientato nel gennaio 1925, nei giorni in cui il Duce si assume le responsabilità del delitto Matteotti.Teatro delle vicende è la cosiddetta ‘Isola dell’angelo caduto’, luogo dove vengono inviati delinquenti e prigionieri politici e in cui è finito anche il protagonista, un commissario di polizia (interpretato da Giampaolo Morelli) reo d’aver arrestato alcuni squadristi ubriachi. Durante la permanenza sull’Isola (dove dovrà sopportare le lamentele di una moglie un po’ depressa e un po’ folle), il commissario indagherà su alcune morti sospette che il capomanipolo della milizia cercherà di far passare come suicidi.Il romanzo, edito da Einaudi nel 1999, si differenzia dai precedenti lavori dell’autore per una maggiore caratterizzazione dei personaggi e per una narrazione più articolata, attributi che hanno convinto la Kaos Cinematografica a trasformare il romanzo in film, affidando la regia allo stesso Lucarelli. Nel cast, oltre a Morelli, sono presenti anche Gaetano Bruno, Giuseppe Cederna, Lorenzo Perpignani, Sara Sartini e Rolando Ravello.Una puntata interamente dedicata al mondo del cinema con attori, attrici, autori e registi pronti a svelare i segreti del mestiere.

La storia di tre donne straordinarie del profondo Sud nel 1962. La ventiduenne Skeeter è appena tornata a casa dopo la laurea da Ole Miss. Lei può avere una laurea, ma sua madre non sarà felice fino a quando Skeeter non avrà un anello al dito. Il suo ruolo è quello di Tommy Judd, migliore amico del protagonista Guy Burgess (allora interpretato da Rupert Everett).Nel contempo, Firth comincia anche ad apparire in televisione partecipando dal telefilm Crown Court, ma rimane alquanto sorpreso quando lo invitano a riprendere il ruolo di Tommy Judd anche nella sua trasposizione cinematografica: sarà il suo primo film. Diretto da Marek Kanievska, sempre accanto a Everett e a Cary Elwes prenderà così parte ad Another Country La scelta (1984). Poi, per tutti gli anni Ottanta, sarà attivo sia sul grande che sul piccolo schermo inglese, ma lo si vedrà maggiormente a teatro, dato che diventerà un membro attivissimo della Royal Shakespeare Company.

La signora in rosso Sandra Bullock ha invece avuto l’onore di presentare i candidati nella categoria miglior attore protagonista che ha visto premiare Colin Firth, il reale balbuziente di Il discorso del re. Infine, a chiudere una notte leggera, divertente ed emozionante è stato il re di Hollywood Steven Spielberg, chiamato a tenere banco per annunciare il miglior film dell’anno: Il discorso del re. Forse l’unica scelta vecchia di un premio che a ottantatré anni è sempre più giovane.

Be the first to comment

Leave a Reply