Montatura Ray Ban Da Sole

Anzi, ne ho sofferto. Perché il cinema italiano l’ho sempre seguito, e apprezzato, e amato. Avevo esordito con Marco Risi ne L’ultimo compleanno, insieme a Claudio Santamaria, e poi avevo proseguito con Carlo Verdone, un’esperienza straordinaria, in C’era un cinese in coma.

I momenti memorabili per lo spettatore sono decine, ogni svolta narrativa, ogni sequenza: i nazisti dell’Illinois (“io odio i nazisti dell’Illinois”, impreca Jack/Belushi), il megaconcerto al Palace Hotel, l’inseguimento con decine e decine di auto distrutte E poi c’è l’invincibilità dei Blues Brothers che come due cartoni animati, o come fossero Stanlio e Olio, non si scompongono mai e si mettono a cantare perfino in cella un Jailhouse Rock di Elvis che fa tremare di paura ancora oggi il defunto re del rock and roll. C’è poi John Candy, indimenticabile poliziotto che se la ride quanto e come i fratelli Blues; c’è Steven Spielberg che fa l’impiegato dell’ufficio delle tasse; le coreografie in strada sulle note del pezzo di Ray Charles, ecc. E ancora una volta c’è la libertà di un cinema ancora bigger than life, fracassone e coinvolgente, c’è la voglia di stupire e farsi meravigliosamente male sul set come quando Landis racconta che spesso col tecnico del suono si nascondeva sotto i sedili dietro della Bluesmobile e riprendeva tutto in presa diretta tra corse e frenate..

Ma sono i teledrammi del decennio successivo e il fascino che dona ai relativi personaggi a sancire il suo successo e a decretarlo, a discrezione del People Magazine, l’uomo vivente più sexy del 1986. Negli anni Ottanta, infatti, è protagonista di alcune delle più popolari soap opera e fiction del periodo: è il marito biscazziere di Morgan Fairchild in Flamingo Road e il delicato dottor Caldwell, malato di Aids, in A cuore aperto; oltre a comparire come guest star in Love Boat e Moonlighting.Nel 1987 si sposa con un’altra importante celebrità amatissima dai telespettatori, Pam Dawber, ovvero la storica partner di Robin Williams in Mork e Mindy, e negli anni successivi tenta un’evasione dal piccolo schermo. I progetti cinematografici non sono tuttavia particolarmente fortunati: i film di cui è protagonista sono prodotti mediocri sia sul versante della frivola commedia (Summer School Una vacanza da ripetenti; Due di troppo) che come drammi più robusti (il giallo con Sean Connery Il Presidio Scena di un crimine).

Per non essere sterile l’industria dovrebbe essere una trasposizione della pratica agricola. Simile la visione di Francesca Lanzavecchia dello studio Lanzavecchia+Wai: Potremmo far crescere la carne in vitro in casa o le verdure sulle pareti. il risultato dell’iperlocalizzazione, mentre viviamo in megalopoli.

Be the first to comment

Leave a Reply